Tag Archive | PIL

Economy facts: Il debito pubblico italiano e il PIL

debito pubblico in % sul PILNel 2013 il  PIL era in numeri 1.619.000.000.000, o 1.619 miliardi di euro. Questi per la prima volta includeva l’economia ombra, cioé prostituzione e traffico droga e altre attività economiche che finora non era stati inclusi nel calcolo PIL. Ca 60 miliardi in più rispetto al vecchio PIL senza il contrabbando.

È diventato necessario includere tutta l’attività economica per poter aumentare la base tassabile, e ricordiamoci che il PIL è il PIL è il PIL, ovvero che non importa per l’attività cosa viene incluso, in quanto cambiare la definizione del PIL non cambia la realtà della gente che lavora e paga tasse. Cambia solo quante tasse ci possono accollare per finanziare il debito.

Quindi sì, in realtà cambia l’attività economica, perché tassandoci sempre di più lo stato strozza l’attività economica, e quindi è forse li che dobbiamo cercare i -0.5% di PIL tra il 2013 e il 2014. Come al solito si attende la fine della recessione “nel prossimo trimestre” attualmente stimato a +0.5%. Continua a leggere…

UBS: effetti sul PIL si o no?

Su zerohedge questa mattina ho trovato un riferimento allo spiritosamente battezzato weekly weight watcher della UBS che poi ho trovato via google-fu: “Are higher oil prices a risk?”.

Questa settimana cercano di rispondere alla domanda se il prezzo del petrolio in aumento, ca 15$ solo nel’ultimo mese, sta reagendo all’eccesso di liquidità (QE e LTRO), a shock lato domanda (qualche indicatore positivo) o a paure lato offerta (MENA). E quali sono gli effetti sulla crescita economica e sui mercati finanziari.

Tra le altre cose hanno studiato l’effetto sul PIL di alcune economie importani da un aumento del petrolio di 10 dollari. UBS distingue l’effetto sul PIL se il prezzo cresce per un’offerta del petrolio in declino (supply shock) o se cresce per una domanda un aumento (demand shock). Un supply shock diminuisce il PIL, perché avviene in un periodo di economia debole, mentre un demand shock, almeno inizialmente, è accompagnato da PIL in aumento. Non a sorpresa nello scenario supply shock è l’US il paese che sentirebbe di più l’aumento del prezzo del petrolio, visto che che gli Stati Uniti hanno una elevata sensibilità ai prezzi.

Se il prezzo del petrolio nel 2012 si assesta sui 10 dollari in più rispetto al 2011 l’effetto sugli Stati Uniti potrebbe essere una riduzione del PIL di 0,8%. Italia è molto meno sensibile al prezzo del petrolio e perderebbe ca il 0,15%. Sempre che l’aumento dipenda da un supply shock e non da un demand shock.

La biflazione ora in corso, cioè l’aumento dei prezzi delle materie prime e la diminuzione dei prezzi degli asset basati su debiti, come case e macchine, viene anche spinta dall’alleggerimento quantitativo, e minaccia seriamente la ripresa economica quando materie prime importanti come petrolio vengono inflazionati in un ambiente deflazionistico.

Inizialmente un oil price shock spinto da una domanda forte rispecchia le economie in crescita, con aumenti globali del PIL. Ovviamente a lungo termine lo stesso oil price shock ha pesanti ripercussioni sull’inflazione dei prezzi perché non esiste praticamente nessun prodotto al mondo che non sia direttamente o indirettamente dipendente dal prezzo del petrolio. I prodotti più lontani dal petrolio aumentano più lentamente di prezzo. Sia per la minore incidenza del prezzo del petrolio nella loro produzione, che per la minore domanda per prodotti non-energy quando il margine delle famiglie diminuisce.

A breve-medio termine l’effetto sull’economia può essere positivo, e dipende dal potere economico del singolo paese. Se il demand shock è spinto dalla Cina in forte espansione significa che la Germania, che esporta in Cina, soffre poco il price shock. Finché la domanda cinese continua a crescere, l’effetto totale sull’economia tedesca dovrebbe essere positivo.

L’effetto su un paese come la Grecia l’abbiamo visto. Nessuna esportazione verso i paesi che spingono la domanda per il petrolio, e quindi zero effetto positivo sull’economia nazionale per contrastare il price shock. Solo buchi neri crescenti. Di conseguenza, la Germania in parallelo alla Cina aumenta la propria domanda per il petrolio, aumenta il PIL, mentre la Grecia la diminuisce entrambi.

E le ultime settimane quindi, sono causati da ulteriori crescite della domanda, o da shock lato offerta?

UBS pubblica un grafico che tratta la correlazione tra il Brent e l’indice azionario globale MSCI Global. Sta diminuendo ma è ancora solidamente positivo:

L’ultima volta che la correlazione è crollata era durante la primavera araba, quando il prezzo del Brent aumentava velocemente, non per una domanda in crescita, ma per l’offerta in calo. UBS la definisce un classico supply shock.

Quindi secondo questo grafico, quello che succede in questi giorni non può essere solo un supply shock, cioè restrizioni lato offerta. Sarebbero allora anche domanda crescente o/e alleggerimento monetario le cause.

Avendo già stabilito che un demand shock significa PIL in aumento, e un supply shock PIL a rischio crescita, e attribuendo al prezzo petrolio in ascesa il 50/50 domanda/offerta, bisognerebbe migliorare la stima per l’area euro a solo un -0,2% in media.

Ricordiamoci sempre che previsioni economiche sono da uguagliare a puro indovinare. Non riescono mai ad azzeccare il numero giusto.

Un’altro grafico che proverebbe che non si tratta di un supply shock è quello sui crack spread.

Interruzioni lato offerta aumenta il prezzo del petrolio mentre quello della benzina rimane dov’è. Ma è dal 2009 che lo crack spread è in linea con il periodo pre-crisi, quindi niente crisi lato offerta. E se si tratta di domanda forte, allora

From an asset allocation perspective the distinction is important. Risk assets
should continue to outperform if rising demand is the primary driver of higher
energy prices.

Quindi per ora, globalmente continuiamo a investire. Se localmente in Italia, Svezia e Stati Uniti la disoccupazione giovanile, adulta, sussidi e foodstamps è ai massimi storici, evidentemente la crescita PIL sta succedendo da tutt’altra parte nel mondo.

Debito – Disavanzo 2007 – 2010

Ho scaricato dal sito dell’IMF i dati su disavanzo e debito pubblici, per gli anni 2007 e 2010.

Ogni singola freccia per i paesi probabilmente messi peggio in Europa, Belgio etc fino all’Italia puntano in su verso destra. In ogni singolo paese il disavanzo è aumentato, ovviamente aumentando anche il debito pubblico. Il disavanzo di quest’anno si somma al debito dell’anno prossimo.

Mi sembra abbastanza chiaro che sarà impossibile tornare indietro in un modo significativo. È vero che l’Italia nel 2010 ha migliorato il disavanzo, solo -4,6% sul PIL, invece dei -5,3 del 2009. Ma guardando i numeri si tratta di un risparmio di 70 milioni di euro o giù di li, grazie pare a dei fattori macroeconomici più favorevoli di quanto atteso nel 2010. Ma questi pochi soldi in più sono già stati spesi nei primi mesi del 2011 perché il petrolio ormai è a 120 dollari al barile.

Il piccolissimo miglioramento dell’Italia nel 2010 era solo temporaneo, e comunque non si trattava certo di costringere dipendenti pubblici ad andare in pensione più tardi. Si trattava di togliere insegnanti dalla scuola pubblica e costringere i genitori a comprare sempre più materiale scolastico.

Detto questo, il disavanzo è spesso anche soggetto di contabilità creativa. Per esempio investimenti nell’infrastruttura possono essere ammortizzati su tantissimi anni, invece di creare subito un grosso impatto sul disavanzo. Solo che si tratta di uno stato, non un’azienda, quindi ogni anno vengono fatti grandi investimenti, per non parlare di manutenzioni, nell’infrastruttura.

Un altro modo per imbellire il disavanzo è il metodo statunitense, di semplicemente dichiarare che le guerre contro il terrorismo non pesano sul disavanzo. Tutta la campagna Iraq+Afghanistan, ma anche la ricostruzione di New Orleans, non vengono inseriti nel budget.

Ma i debiti si accumulano lo stesso.

EIR – Energy Intensity Ratio

Ho già scritto un paio di post sull’EROEI, quaqua.

Il concetto è conosciuto ai tanti lettori dei vari blog su peak oil, in poche parole si tratta del rapporto tra energia ricavata e energia spesa. La volpe non cercherebbe di mangiarsi il coniglio se dovesse spendere più energia cacciandolo di quanto guadagna mangiandoselo. In questo caso l’EROEI è <1 e la volpe morirebbe di fame. Continua a leggere…

Tremonti e la Grecia

Stasera niente petrolio, invece posto un semplice grafico sui criteri di convergenza Maastricht. L’ho creato usando i dati scaricabili dall’Eurostat.

Secondo me spiega bene perché Tremonti vorrebbe aiutare la Grecia invece di buttarla fuori dall’area Euro. Diciamo che la differenza tra l’Italia e la Grecia non è poi così grande.

Grafici TPES in confronto

Ho scaricato dal sito della OECD dei dati per crearmi qualche grafico.

Sono nata nel 1971, per cui quale anno migliore per iniziare la raccolta di dati?

Comincio con il Total Primary Energy Supply.

TPES è il totale di energia primaria fornita. Energia primaria si riferisce alle fonti di energia come si trovano allo stato naturale. L’uso totale globale delle varie fonti di energia comprende carbone, petrolio, gas, nucleare, idroelettrica, geotermica / solare / eolica, altre energie rinnovabili combinati e rifiuti. Continua a leggere…