Tag Archive | Petrolio

Il significato del capex mancato

Ripropongo il grafico sui capex dei majors dal 1999 al 2015, perché lo considero un pezzo chiave del Oil prize puzzle.

CAPEX big sisters

Continua a leggere…

WTI a resistenza al ribasso

Il petrolio continuerà il rally se riesce a salire sopra la resistenza disegnata in blu.

La linea arancione è la linea di trend dal basso di febbraio. Li il WTI si è fermato il 14 giugno, per poi rompere ingiù e riprendersi per un’altra settimana. La sorpresa del Brexit (diciamolo così) l’ha fatto scendere di nuovo sotto.

WTI 4 July

Le linee rosse sono la mia previsione di un mese fa.

Nel frattempo questi movimenti hanno creato un trend al ribasso con il tetto disegnato appunto in blu. Può darsi che non riusciamo a romperlo, i dati sui consumi statunitensi non sono fortissimi per esempio.

Non intendo ancora preoccuparmi per ERX e le posizioni in stock petroliferi. Ormai è tutto in verde, e gli stock seguiranno più i mercati azionari che il petrolio, se questo rimane al livello attuale e non fa un ulteriore tuffo.

Probabilità alta che il supercycle commoditie sia finito

Oggi le candele sono tutti verdi e il petrolio (WTI) si trova di nuovo al livello che vale dal 18 maggio ca. Il mio target a breve di $56 potrebbe ancora funzionare ma bisogna ricordarsi che il prezzo si era fermato già da un mese, invece di reagire per esempio sulla notizia saudita che si va verso il bilanciamento. In altre parole, ci potrebbero essere altri fantasmi dietro la porta ad attendere di spaventarci. Tipo una recessione statunitense nel Q3 oppure, ancora più misticamente, che Jim Rogers ha ragione sui suoi super-cycles dei commodities.

Nel luglio del 2014 Rogers ha detto che il supercycle potrebbe durare ancora da 2 a 5 anni.

Quindi per il beneficio di tutti noi, ho creato il grafico del supercycle del WTI, usando i dati del prezzo in dollari-2015, come li ho trovato nel ultimo excel BP rilasciato due settimane fa.

Sui prezzi annuali ho semplicemente preso il ritorno annuale, sul quale poi ho calcolato una media mobile decennale, per avere uno smoothing interpretabile:

WTI supercycle

Continua a leggere…

Consumo mondiale petrolio: nessun rallentamento

È uscita la bibbia, ovvero il BP Statistical Review of World Energy 2016.

E lo festeggiamo con il grafico della domanda di petrolio dal 1965:

world oil consumption fino al 2015

Continua a leggere…

WTI solo nel 2017 stabilmente sopra i 40?

correlation matrixHo importato i dati del post precedente in matlab per fare qualche simulazione.

Ovvero, ho voluto girare la frittata per vedere cosa succedesse se mettessi il prezzo del petrolio come dipendente dai capex dei grandi produttori invece del contrario. Mi piaceva questa idea perché per una volta ho una serie di “predictors” ovvero i capex, piú lunga della serie della variabile da stimare, il prezzo. Di solito dopo la regressione lineare  tocca fare simulazioni monte carlo sopra un modello arima o garch o quant’altro, ed è inutile dire che se funzionassero questi metodi tutti gli econometristi sarebbero miliardari. Continua a leggere…

CAPEX e prezzo del petrolio

Come uovo di pasqua per i miei lettori ho fatto un po’ di datamining, spulciando i capex di alcuni molto big del petrolio leggendo gli annual reports fino al 1999 o giù di li.

Nota: Elogio a ExxonMobil che pubblica annual reports di una chiarezza esemplare. Gli altri…un po’ meno. Formati e definizioni che cambiano di anno in anno. Una tortura da leggere.

Il risultato è sorprendente (ok non per me che lo sapevo già), non sono in molti ad aver visto il seguente grafico che traccia i capex contro il prezzo del petrolio:

CAPEX big sisters

Continua a leggere…

Bancarotte shale, nuova leva?

Fino al 31 dicembre erano 42 aziende americane e canadesi in bancarotta tipo chapter 7 e chapter 11. Fino al 7 febbraio 2016 altre sei aziende si sono aggiunte alla lista, con 109 mln di dollari complessivi, di cui solo 15mln di debito garantito da asset del debitore.

Sono arrivati a complessivamente 17.2 miliardi di debito complessivo di cui 54% non garantito:

shale bancarotte agg febb 16

Continua a leggere…

Il contango problem degli ETF

Il petrolio sta cercando di trovare il fondo del barile, anche se la situazione del glut non si è certo risolto ancora, e potrebbe addirittura peggiorare se gli ultimi accordi OPEC-nonOPEC non vengono rispettati.

È dal 12 gennaio che il WTI oscilla intorno ai 30 dollari:

WTI 22 feb 16.jpg

L’indecisione è tanta e la volatilità sull’upside dell’ultimo mese è quasi il doppio rispetto al periodo settembre-metà gennaio: Continua a leggere…

Petrolio troppo depresso, solo il Blees è positivo

old rigIl petrolio è in quella fase deprimente del totale abbandono di qualsiasi sentimento bullish. In giro si vedono proiezioni per 20 e anche 10 dollari al barile. Addiritura  FT di oggi non c’è la fa a presentare solo un lato positivo, e fa condividere un articolo da due signori dall’opinione opposta.

Tecnicamente non c’è niente che potrebbe dare un po’ di speranza per una ripresa a breve. Le medie mobili puntano giù, il petrolio ha sotterato il livello minimo del 2008 di un dollaro, e non ci sono supporti a quel livello.

Fondamentalmente poi la produzione è ancora 1 milione in eccesso giornaliero rispetto al consumo, e tutti gli allarmi geopolitici per l’intero anno passato non sono riusciti a resuscitare il cadavere. Continua a leggere…

Domanda e offerta bilanciati al livello del 2006

Continuo sul filone di ieri, cioè i dati IEA, aggiornati al 11 dicembre.

Secondo l’investitore Kyle Bass (dal min. 19 ca) la capacità swing si è ridotta a 1 milioni di barili, il minimo storico (dove storico si riferisce alla mia memoria). Quindi guardando meglio la strutturale sovraproduzione non è poi così vero che stiamo nuotando nel petrolio.

La domanda mondiale non è mai stat così alta come nel 3Q15 (gli ultimi 5 datapoint sono stime):

domanda globale petrolio finno al Q4 2015.png

Cioè 95.40 milioni di barili al giorno. Per il 4Q il numero è leggermente più basso con 95.10 milioni di barili, ma quel numero ci metterà parecchi mesi a stabilizzarsi. Continua a leggere…