Tag Archive | NATO

Nuova strategia russa: il bisturi nucleare

one minute to midnightSono 25 anni che la NATO riduce la presenza di truppe in Europa, soprattutto quelli americani sono ormai solo ca 67.000 rispetto ai 440.000 degli anni ’60. NATO ormai è così debole nella regione che la violazione degli Accordi di Helsinki da parte dei russi quando hanno annesso l’Ucraina, e di seguito, invaso la parte est dell’Ucraina, non è riuscita a unire i paesi politicamente per definire una politica congiunta.

Ciònostante per i vecchi stati del blocco sovietico è ancora l’unica alternativa per proteggersi dalla Russia, che invece li considera sempre parte del “blocco”. Sono solo tre stati minuscoli e poco potenti militarmente quelli che confinano con la Russia, Norvegia, Estonia, e Latvia, ma la retorica di Putin punta tutto su un “siamo circondati”. Continua a leggere…

Un po’ di propaganda

ci portanto i bimbi delle materne per salutare gli americani

ci portanto i bimbi delle materne per salutare gli americani

Per tutti i miei lettori che leggono solo ed esclusivamente RT per le notizie giornaliere, con qualche deviazione osé verso The Gaurdian quando ci si sente particolarmente moderati, ho pensato di fare un veloce paragone tra come RT e il resto del mondo presenta il Dragoon Ride.

Per chi non sa cosa sia il Dragoon Ride, si tratta di una specie di evento relazioni pubbliche combinato con esercitazione per le truppe NATO in Europa. È la 3rd Light Armored Reconnaissance Battalion chiamata Wolfpack che con 118 veicoli Stryker raggruppa comodamente per Germania attraverso gli stati baltici, Polonia e la Repubblica Ceca dopo aver fatto presenza li dimostrando il supporto delle truppe NATO alle popolazioni stressate dalle aggressioni russe. Continua a leggere…

No Fly Zone, Libia

La comunità europea ha ancora una volta dimostrato che non esiste nessuna comunità, spostando la responsabilità della decisione sulla NFZ – No Fly Zone sulla NATO. E la NATO ha voluto prendere la decisione solo quando la Lega Araba aveva dato il sì. Quando la Francia settimana scorsa come primo paese ha riconosciuto i diritti della resistenza lo ha fatto fuori dall’UE. Continua a leggere…