Tag Archive | Italia

Più piove e meno inquiniamo

Italia è uno dei 18 paesi che secondo le statistiche BP hanno aumentato le emissioni di CO2 dal 2014 al 2015 più del 5%.

emissioni co2 2015 Continua a leggere…

Italia in guerra?

 bandiera italia franciaIeri il presidente francese Hollande ha annunciato nel suo discorso davanti al Congresso che la Francia intende invocare il trattato di Lisbona §42.7, ovvero, che il paese è stato oggetto di un attacco armato.
Questo significa che tutti i membri dell’UE sono obbligati ad assistere la Francia con tutti i mezzi disponibili. L’Italia si trova quindi in guerra contro Daesh.

Continua a leggere…

La desertificazione avanza, verso destra

ruminante

Ad Alonissos non sanno cos’è, ma lo fanno

Sono sempre di più gli agricoltori che usano forme di holistic grazing, prima sviluppato e descritto da Allan Savory.

È stato intensamente criticato, visto che le sue teorie sono l’esatto contrario delle teorie ecologiche convenzionali, che ci vorrebbero con meno animali e una riduzione dell’estensione della desertificazione basata sulla nostra assenza in quegli ecosistemi.

Il che non funziona, è evidente. Mentre questo metodo olistico pare di si, soprattutto in Australia sta prendendo piede visto l’emergenza siccità-economia basata sul pascolo. Continua a leggere…

Rapporto tra debito per adulto e la ricchezza media

L’econometria è una bestia divertente.

Visto gli ultimi sviluppi Grecia con l’IMF che ritira il suo staff da Atene per festeggiare pasqua in pace con i parenti invece di passare interminabili ore a negoziare a vuoto, e conseguente viaggio di Tsipras in Russia per incontrare Putin, al quale non ha ancora chiesto soldi pare, ma sicuramente ricordati i comuni radici culturali e religiosi, ho trovato necessario spostare la Grecia al di là della “cortina di ferro” nel grafico creato sulle ricchezze mediane:

Spostando la Grecia migliora un po' tutto

Spostando la Grecia migliora un po’ tutto

Continua a leggere…

Meglio è distribuita la ricchezza e più si è ricchi

ricchezze media OCSE e cortina di ferroPer continuare la riflessione sulle ricchezze medie vs mediane ho creato un grafico che traccia in blu la ricchezza mediana dei paesi europei blocco ovest, e in rosso i paesi della ex-orbita sovietica.

L’ordine è in crescente “ingiustizia” della distribuzione della ricchezza: sulla sinistra abbiamo i paesi dove la ricchezza mediana è più vicina a quella media, per esempio Italia al quarto posto con i suoi 142 mila di USD di ricchezza mediana su 255mila di ricchezza media = 80%. Il vincitore europeo è la Slovakia dove la ricchezza media è solo 30% più alta di quella mediana. Anche se preferirebbero la mediana della Slovenia, che ha superato quella del Portogallo. Continua a leggere…

Economy facts: Il debito pubblico italiano e il PIL

debito pubblico in % sul PILNel 2013 il  PIL era in numeri 1.619.000.000.000, o 1.619 miliardi di euro. Questi per la prima volta includeva l’economia ombra, cioé prostituzione e traffico droga e altre attività economiche che finora non era stati inclusi nel calcolo PIL. Ca 60 miliardi in più rispetto al vecchio PIL senza il contrabbando.

È diventato necessario includere tutta l’attività economica per poter aumentare la base tassabile, e ricordiamoci che il PIL è il PIL è il PIL, ovvero che non importa per l’attività cosa viene incluso, in quanto cambiare la definizione del PIL non cambia la realtà della gente che lavora e paga tasse. Cambia solo quante tasse ci possono accollare per finanziare il debito.

Quindi sì, in realtà cambia l’attività economica, perché tassandoci sempre di più lo stato strozza l’attività economica, e quindi è forse li che dobbiamo cercare i -0.5% di PIL tra il 2013 e il 2014. Come al solito si attende la fine della recessione “nel prossimo trimestre” attualmente stimato a +0.5%. Continua a leggere…

Ricchezze medie e mediane

Quando un governo socialista vuole tassare ulteriormente gli elettori, può per esempio guardare la ricchezza media del paese. La ricchezza media è un modo molto stortato per misurare la ricchezza visto che solo in pochi casi felici rispecchia davvero la ricchezza della persona media.

Se prendiamo per esempio la Svizzera, che ha la ricchezza media più alta del mondo per adulto, secondo il Global Wealth Databook 2014, con 580mila USD, e lo paragoniamo alla ricchezza mediana del paese, che e di “soli” 106mila USD, si capisce che ci sono pochi soggetti estremamente ricchi che trascinano la media diciamo verso alto. La media è 440% più alto della mediana. Continua a leggere…

Già, l’Italia non ha bisogno di aiuto

Ed ecco le parole di Monti che non volevamo mai sentire, perché equivalgono al fischio di partenza per la Golgata versò il bailout: Italia non ha bisogno di aiuto. Riferito da tutti i giornali in modi diversi, ma comunque è fatta.

Spagna.

Portugal.

Grecia.

Irlanda. Continua a leggere…

Banche italiane con troppa leva

Per chi si fosse chiesto esattamente perché Unicredit e Intesa San Paolo devono vendere, per ca 230 milioni di sterline, i loro 31 milioni di azioni nella London Stock Exchange, proprietario della borsa di Milano, togliendo così l’ultima goccia di sangue italiano alla borsa di Milano che così per ora risulta proprietà degli Emirati e del Quatar, il superblog ZeroHedge ha ieri pubblicato un grafico molto interessante: Continua a leggere…

Troppo lardo per la lotta?

L’articolo wikipedia che parla delle proteste greche purtroppo non ci dice molto sulla distribuzione di età, sesso e ceto sociale dei manifestanti. Un riferimento dice “giovani e over 40 con famiglie”, un altro che i manifestanti erano distribuiti su tutte le età e disponibilità economiche.

Se io dovessi indovinare sulla demografia di chi sta cercando di manifestare pacificamente in piazza Syntagma, direi che è più presente la classe media, quella che ha tutto da perdere. Infatti, gli scioperi riguardano:

Greek unions, including those whose members dominate the country’s health, transportation, education, and government jobs began a 48-hour strike…

Journalists and a number of artists also stopped working in solidarity with the protest. Continua a leggere…