CAPEX e prezzo del petrolio

Come uovo di pasqua per i miei lettori ho fatto un po’ di datamining, spulciando i capex di alcuni molto big del petrolio leggendo gli annual reports fino al 1999 o giù di li.

Nota: Elogio a ExxonMobil che pubblica annual reports di una chiarezza esemplare. Gli altri…un po’ meno. Formati e definizioni che cambiano di anno in anno. Una tortura da leggere.

Il risultato è sorprendente (ok non per me che lo sapevo già), non sono in molti ad aver visto il seguente grafico che traccia i capex contro il prezzo del petrolio:

CAPEX big sisters

Il prezzo del Brent/WTI muovo il capex. Il WTI ha una correlazione di 86% con la media dei capex delle aziende rappresentate sul grafico, il Brent del 89%.

Ho messo sul grafico anche i capex stimati per il 2016 e il 2017. Sembrerebbe che la caduta degli investimenti stia rallentando, ma visto che tutte queste aziende durante il crollo dei prezzi del 2015 hanno continuamente corretto i capex ingiù è probabile che questi due datapoint saranno corrette molte volte nei prossimi due anni.

La prima conclusione dell’altissima correlazione tra prezzi e investimenti è che queste aziende fanno l’esatto contrario di quanto dovrebbero per tenere il prezzo del petrolio a uno livello medio-alto sostenibile sia da consumatori che da produttori. Facile seguire cosa succede:

  • Prezzi bassi -> investono poco -> sottosupply dopo 5-6 anni -> rapida salita dei prezzi
  • Prezzi alti -> investimenti importanti -> oversupply dopo 5-6 anni -> crollo dei prezzi
  • Prezzi bassi -> crollo degli investimenti -> sottosupply dopo 5-6 anni -> rapida salita dei prezzi

etc etc

Considerando questa perversa ciclicità degli investimenti, è probabile che verso il 2019-20 siamo di nuovo intorno ai 100 dollari.

Tag:, , , , ,

3 responses to “CAPEX e prezzo del petrolio”

  1. Filippo Zuliani says :

    Mah, a me la causalita’ da te proposta convince poco. Perche’ i grafici da te riportati mostrano una correlazione tra CAPEX e prezzo del petrolio, che e’ una cosa diversa. Una spiegazione alternativa: siccome il prezzo del petrolio e’ un buon indicatore dello stato di salute dell’economia, ecco che un basso prezzo del petrolio vuol dire pessime condizioni economiche, indi poco CAPEX da investire. Lo stesso per la situazione opposta, e opla’. Insomma, CAPEX e prezzo del petrolio sono la stessa faccia della stessa medaglia: se l’economia va male hai voglia a trovare i soldi per investire.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: