La carne ci salverà

Sbrisolona.

Sbrisolona. Contiene uova!

La carne è l’alimento della nostra evoluzione e sono i cereali e i legumi che non sono adatti al consumo umano. Anche nel campo della medicina e dietetica ci si sta lentamente svegliando a questo proposito. In Svezia hanno già da alcuni anni dovuto eliminare i consigli di dieta tradizionalmente dati ai diabetici, in quanto mai provati scientificamente. Credo che lo stesso abbiano fatto in Polonia, e mia zia in Germania all’inevitabile arrivo del diabete 2 per merito delle due fette di Sacher al giorno ha detto che i medici le dicono di mangiare grassi e proteine. Il dietrofront dipende dal fatto che i migliaia di studi fatti su diete low-fat/high-carb consigliati dagli anni ’50 in poi hanno dei problemi di metodo. Statisticamente sono inattendibili, soprattutto perché mai fatte con hard endpoints. A partire dalle ricerche degli anni ’50 del medico statunitense Ancel Keys che purtroppo nel presentare i dati sulla connessione tra arteriosclerosi e consumo di grassi ha scelto i 6 paesi che si trovavano perfettamente sulla linea che gli piaceva. I dati degli altri 16 paesi che non andavano d’accordo con la sua teoria li ha tralasciati.

I summenzionati problemi di metodo sono per esempio che non esistono studi sulla pericolosità della carne rossa fatti su soggetti sani: tutti gli studi sono e continuano a essere fatti con persone già malati ai reni. Poi visto che le diete high-carb/low-fat non fanno altro che aggravare la situazione, non è stato difficile convincere la gente.

In Italia per non essere aggrediti dalla Barilla&co i medici hanno cominciato a prescrivere la dieta “paleo” cioè high-fat/high-protein/low-carb chiamandola però “ketogenica” che suona molto profescional. Nei media popolari queste diete si chiamano “paleo” perché sono adattazioni della dieta che sappiamo stare alla nostra origine. Con o senza latticini, o con o senza qualche bicchiere di vino sono comunque le uniche diete che funzionano perché ti tolgono anche le malattie. Tante proteine e grassi e zero zuccheri, o carboidrati comunque solo da frutta e verdura, mai dai cereali che sono altamente infiammatori. Ovviamente mai legumi che sono anche tossici oltre a essere infiammatori.

Quello che i non-paleo non possono capire per motivi fisici è che mangiando paleo (cioè sostituendo i cereali con grassi e verdure) si dimezza anche il consumo di proteine. Questo perché dopo il periodo di sofferenza pesante per i sintomi di astinenza (il glutine fa lo stesso effetto sul cervello dell’heroina, è per quello che non si riesce a dimagrire con i cereali) non patisci più quello che credi essere fame, che è solo una fame chimica. Con le diete low-carb hai sempre lo stesso livello si zucchero nel sangue, un livello tranquillamente basso, invece di questi micidiali alti e bassi che poi vengono interpretati come fame e ci fanno ingrassare e ammalare.

La paleo ti toglie la fame chimica e così riduci automaticamente le calorie, senza nessuna fatica.  I dietisti vedono rosso, incapaci come sono di disimparare che una caloria è una caloria. Per quanto riguarda il corpo umano è importantissimo quale molecola sta dietro quella caloria perché il corpo umano reagisce in maniera totalmente diversa a una molecola di glucosio e a una di grasso.

Molte persone si sentono offesi e aggrediti quando gli viene chiesto di cambiare opinione su qualsiasi cosa che credono verità da anni anche se ci sono le prove al contrario. La nutrizione è una materia così delicata che sembra di parlare di religione. Quanti bambini italiani devono nascere con danni da etilismo prima che quegli idioti dei medici di famiglia la smettono di dire alle donne incinte che possono bere alcolici?

Chi ha sempre creduto nella falsa dieta mediterranea sponsorizzata da canali come “Corriere salute” per forza finisce con le statine. La vera dieta mediterranea non contiene né cereali né legumi. Per chi vuole veramente imparare a nutrirsi bene, anche non rinunciando a cereali e legumi che fanno parte di una tradizione gastronomica millenaria, ma rendendoli quasi innocui e anzi pieni di nutrienti per l’organismo umano per esempio tramite la fermentazione, può per esempio partecipare a uno dei corsi di Paolo Toniolo, professore in medicina all’Università di New York, che in pensione tornando in Italia ha preso la strada della prevenzione tramite nutrizione. Lo trovate in internet a Sapienza del Corpo  e su facebook qua.

Tag:, ,

2 responses to “La carne ci salverà”

  1. Robo says :

    Anche la sua sembra una religione dottoressa. Non credo che la questione sia così manichea, le quantità contano (anche nella dieta mediterranea spacciata per salutista il problema é il non controllo delle quantità). Poi mi pare un po’ banalizzante paragonare i legumi alla farina bianca o dire che un singolo alimento fa male a prescindere.

    Mi piace

    • Anna Ryden says :

      Il problema di qualsiasi dieta che contiene carboidrati è l’enorme difficoltà di controllare le quantità. È facile dare del “senza carattere” alle persone che non riescono a dimagrire, ma la verità è che la dipendenza da carboidrati è da paragonare alla dipendenza da tabaccho. L’unica via avanti è tornare indietro di 10mila anni.

      Per il resto: i miei sono fatti, i tuoi opinioni. Sei libero di trovarmi 10 paper su pubmed che dimostrano la non-tossicità dei legumi. Io ho passato anni a leggermi tutto quello al riguardo su pubmed, e quando non accessibile ai laici me li facevo dare da amici medici.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: