La guerra contro l’UE

L’offensiva dei russi verso ovest viene negata da praticamente tutta la blogosfera che spesso dipingono la Russia e Putin come vittime, e ignorata dai media seri che fanno capriole complicatissime per evitare di prendere posizioni.

È alta commedia anche se spaventoso leggere quanti credono, per esempio nei sopra non-menzionati blog, o nei commenti agli articoli nei media seri, nella mano segreta americana in tutte le vicende ucraine, o leggere di Farage che sostiene che dobbiamo lasciar stare Putin perchè sta dalla nostra parte nella lotto contro il terrorismo islamico.

È alta commedia anche se spaventoso leggere di quanti credono nella menzogna che gli ucraini sono fascisti, mentre Svoboda in realtà non ha preso abbastanza voti per entrare nel parlamento.

È terribile leggere le notizie su questa guerra che più assimetrica non si può. I filo-russi che lanciano offensive con missili Grad a una città con il 50% della popolazione di origine russa, chiamandolo “il miglior monumento a tutti i nostri caduti”.

Il corriere e tuttti gli altri che chiamano “ribelli” questi terroristi, una connotazione abbastanza positiva, per dire che sono piccoli ma cocciuti e lottano contro uno grande ma debole che deve perdere.

Nessuno che scrive che i piccoli cocciuti sono per la maggior parte legosoldati spesso ceceni con expertise degli armi avanzati che stranamente sembrano di possedere in numero crescente.

Anch’io ogni tanto ne trovo uno dietro casa

Foto di centinaia di “rebelli” in uniformi senza contrassegni, inidentificabili, e poi dobbiamo credere che sono ribelli? Solo uno stato riesce a fornire queste quantità di armi sofosticate, uniformi, e soldati formati.

La vera guerra è tra Ucraina e la Russia. Un po’ troppo assimetrica, anche illegale. E così che invece di radere al suolo l’Ucraina in due settimane come ha detto Putin che avrebbe preferito fare, sostiene questi terroristi che uccidono anche i propri pur di fare un monumento ai caduti. Gli ucraini che per combattere i filo-russi sono costretti a sparare a città ucraine, perché il nemico si trova li dentro. Così ogni giorno cresce la rabbia nella popolazione russa, che sia chiaro, non voleva certamente nessuna guerra. Nessuno la voleva. Tranne Putin.

È caduto l’aeroporto di Donetsk finalmente. L’esercito l’aveva già abbandonato qualche giorno prima, ma un gruppo ucraino indipendente è rimasto a difenderlo fino all’ultimo.

Questi indipendenti dalla stampa italiana non vengono chiamati filo-ucraini, figuriamoci “ribelli”. No, sono dissertori. Poi NESSUNO in tutto questo paese ha protestato contro il trattamento di questi soldati alla caduta del aeroporto. È totalmente vietato dalla convezione di Ginevra umiliare prigioneri di guerra, ancora più vietato picchiarli e in pubblico costringerli a mangiare parte della propria uniforme. Ogni singolo giornalista che ha riportato questo fatto senza specificare che si tratta di crimine di guerra per me è colpevole di crimine di guerra. Perché non può essere che tutti questi iscritti all’albo non abbiano letto la convenzione, che non la sappiano a memoria?

Marine le Pen e i suoi fascisti in Francia hanno appena ricevuto 9 milioni di euro in sostegno del partito dai russi ed è possibile che avranno altri 30. Quanto ricevono i leghisti qua da noi? Salvini è già stato in Russia e si esprime spesso pro-Russia.

Questo mentre Putin i il suo governo continua a cercare di destabilizzare la democrazia anti-oligarchi ucraina chiamandoli continuamente fascisti e junta.

Che sia chiaro a tutti che questo è uno stato che si considera europeo, che ha cercato di avvicinarsi all’Europa, per avere finalmente le sicurezze legislative e burocratiche che solo Europa avrebbe potuto dare. Non gli è stato permesso. Togliere gli oligarchi, vabeneok, togliere lo stato totalitario e combattere la corruzione, no.

E ora i nuovi eletti di sinistra in Grecia, che hanno decisamente meno esperienza dei metodi russi, e che rifiutano l’austerity germanica, mostrano i loro veri colori. Il nuovo ministro per gli esteri Nikos Kotsias si fa fotografare con il neo-nazi russo Dugin, amico di Putin, consulente della Duma, membro chiave del partito United Russia. Membro chiave perché è lui che inventa la politica omofoba e anti-semita.

Dugin vuole ricreare l’impero russo unificando tutti i territori dove si parla russo, questo include la Georgia e l’Ucraina (e Königsberg), ed è il cervello dietro l’annessione della Crimea. Per i greci, dalla padella alla brace.

16 responses to “La guerra contro l’UE”

  1. Gaporion says :

    …e poi c'era la marmotta che incartava la cioccolata…

    Mi piace

  2. fardiconto says :

    Cosa accade laggiù non si può dire con sicurezza. Di sicuro c'è solo la milionata di sfollati che parlano russo. Quelli la casa non ce l'hanno più di sicuro.

    Mi piace

  3. Roberto Rondoni says :

    Dottoressa, di certo nella blogosfera la narrazione prevalente, tanto da essere mainstream, é: “povero Putin costretto ad invadere la Crimea ed ha difendere i suoi interessi geopolitici minacciati da nazisti aizzati dagli States”. La Russia non é stata certo umiliata dopo la dissoluzione dell'URRS, anzi, le fu concesso un seggio tra i grandi della terra e alcune richieste di adesione alla NATO furono rifiutate. Inoltre il desiderio di Europa era ben presente in una parte della popolazione Ucraina. Ció detto é innegabile come ha testimoniato Soros una diretta azione nel sostenere il movimento anti-Yanucovich, e nel portare ad un sostanziale colpo di stato (sgradevole ed incapace personaggio ma democraticamente eletto). Ora, a mio parere, sapendo che la Russia putiniana non avrebbe mollato la presa tanto facilmente un dialogo ad alto livello Obama-Putin per una gestione condivisa della crisi sarebbe stato più lungimirante. Almeno così mi parrebbe. Che dice?

    Mi piace

  4. Anna Ryden says :

    Invece è abbastanza semplice. Uno stato totalitario ha invaso uno stato democratico, distruggendo un ordine europeo, e per raggiungere lo scopo distrugge anche la “propria” popolazione sul territorio ucraino. Se non ci ricordiamo ora cosa vogliamo noi in futuro, ci saranno altre guerre e altri stati rotti.

    Mi piace

  5. Paolo says :

    Dottoressa, un po' di livore da parte sua verso Putin mi pare ci sia, no? Gli USA invece, poverini, sono semplici spettatori, vero?

    Mi piace

  6. Anna Ryden says :

    Grandissimo Soros.
    Se vuoi sapere qualcosa sul background del euromaidan leggi la storia di Mustafa Nayyem, il giornalista ucraino di origine afghane che ha iniziato il tutto tramite il suo account facebook. http://en.wikipedia.org/wiki/Mustafa_Nayyem

    Per quanto riguarda Putin, penso che tutti abbiano cercato di dialogare con lui, difficile quando uno vive in una specie di mondo parallelo, antisemita, omofobo, corrotto, repressivo, e dove si può uccidere chiunque non sia della stessa convinzione.

    Mi piace

  7. Anna Ryden says :

    Spero proprio di no. Il problame è che l'Europa è uno semplice spettatore.

    Mi piace

  8. Paolo says :

    Che l'UE delle banche sia uno spettatore servile al suo padrone yankee non c'è dubbio. Che gli USA siano il simbolo dell'imperialismo, anche. E che non gradiscano un'integrazione dell'Europa con la Russia, come dovrebbe essere, è una certezza. Meglio quindi isolare politicamente la terra di Putin e accerchiarla militarmente attirando gli stati ex patto di Varsavia nell'orbita Nato, come effettivamente è successo dalla caduta dell'URSS. Il male di questo mondo è una nazione in cui l'industria bellica comanda alla Casa Bianca, nazione che si crede il gendarme globale. E che non è mai stata la patria della democrazia.

    Mi piace

  9. Er Monnezza says :

    Anna, ero giusto in un aeroporto di Mosca jeri e ci sono persino i distributori di magliette e gadget vari col faccione militaresco, antisemita, antiebraico e tutto quel che vuoi di Putin sopra… tragicomico. Putin ed uno stato organizzaro come la Russia sono ben lungi dall'essere il mio ideale di leader e di nazione in cui vivere .. però, acciderbolina, non mi puoi parlare di guerra contro l'UE! L'Ucraina è sempre stata nell'orbita russa, la Crimea è popolata per lo più da russi.. hanno ragione Oliver Stone e Giovanni Zibordi, per esempio: la narrazione imperante parla di invasione russa ma quello che invece dovrebbe essere evidente a tutti è che l'invasione, subdola e sottotraccia, è ad opera della CIA e degli Stati Uniti… capperi, sono loro che non ci sono mai stati da quelle parti, non i russi!
    RIpeto, Putin è ben lungi dall'avere la mia simpatia … ma neanche la CIA ne i politici di Bruxelles mi sembrano tanto belli… per non parlare poi di Soros!

    Mi piace

  10. fardiconto says :

    In tutta questa narrazione mi sfugge una cosa, almeno. Il primo provvedimento dei nuovi padroni di Kiev fu quello di vietare l'uso delle lingue delle minoranze. Mica solo i russi, ci hanno preso sotto anche gli altri.

    Che democrazia sarebbe questa esattamente? Noi possiamo quindi vietare il tedesco agli altoatesini e pensare di avere ragione? Chissà come verrebbe presa la cosa in Austria o in Germania. Mi immagino le congratulazioni.

    Mi piace

  11. luigiza says :

    No Anna, il problema é che presto la popolazione europea tutta sarà carne da cannone.

    Mi piace

  12. luigiza says :

    @Paolo
    Gli USA invece, poverini, sono semplici spettatori, vero?

    Intervista rilasciata da mr. Obama alla CNN:
    In an interview with CNN’s Fareed Zakaria, Barack Obama acknowledged that the United States had “brokered a deal to transition power in Ukraine,”

    Al momento non ricordo bene, forse che mr. Obama tiene un blog di quelli che sostengono la mano segreta americana in tutte le vicende ucraine?

    Chiedo, no ho certezza.

    Mi piace

  13. daniele bergamini says :

    qua non c'è il buono e il cattivo, le parti sono entrambe guerrafondaie: EU con Usa stanno impoverendo tutto il mondo con la loro egemonia finaziaria/politica.
    Dall'altra c'è qualcuno che vuole difendere i propri interessi e conosce solo le armi: Russia.

    Qua non bisogna cercare di capire chi è buono e chi è cattivo , ma chi è più cattivo dell'altro

    Mi piace

  14. Paolo says :

    Questo commento è stato eliminato dall’autore.

    Mi piace

  15. Paolo says :

    Allora non c'è dubbio. Il più cattivo è quello che ha scatenato direttamente e indirettamente decine di conflitti in tutto il mondo dal dopoguerra ad oggi con 30 milioni di vittime, e crede (spesso riuscendoci) di poter imporre il suo volere ad altri stati. E non è certo la Russia.

    Mi piace

  16. Roberto Rondoni says :

    Dottoressa, grazie, ho letto. É significativo della scarsa attitudine democratica di Yanucovich. Ma, senza scadere in un anti-americanismo che non mi é proprio, ribadisco che il soggetto era stato eletto democraticamente. Per quanto io non lo avessi in alcuna simpatia come non ho in simpatia la politica accentrante e nazionalizzatrice di Putin, non possiamo negare che gli argomenti di esportazione della democrazia mostrano il fianco a svariate critiche di incongruenza, e che non si puó appellarsi al diritto internazionale solo quando fa comodo ad una parte. A me, senza scadere nella solita invettiva anti-States che trovo inutile e parziale, pare che gli USA, in politica estera, pecchino di una certa presunzione democratica che si scontra con la realtà delle cose e porta spesso ad azioni che non tengono bene in conto le reazioni. Poi i primi che mostrano ferocia verso la Russia sono in realtà i banltici e la Polonia, che hanno paura e non hanno tutti i torti, visto la muscolarità mostrata da Putin negli ultimi anni. Saluti.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: