Capex e prezzo del petrolio: la relazione c’è.

Un anno e mezzo fa nel post Exxon e i limiti della geologia ho accennato a un’idea che avevo in testa da tempo, e cioè la possibilità di una correlazione tra capex delle aziende che fanno E&P e il prezzo del petrolio.

Il grande limite di un blogger è il datamining, e così purtroppo non sono mai andata avanti con la ricerca. Che però un professore ordinario in fisica tecnica ambientale al Tor Vergata di nome Angelo Spena ha fatto, per il beneficio di tutti noi.

Da Chicago-blog rubo questo gioello del datamining:

Eccovi il link dell’articolo, lo so che non dovrei regalare traffico web gratuitamente al nido d’aquila del mercato libero, perché probabilmente dando via merce invece di farla pagare distorco il mercato, ma tant’è. Vale la pena. Mi scuso con chicago a priori.

Il professore spiega che il grafico viene aggiornato ogni anno grazie ai suoi dottorandi (ecco come si fa il datamining).

In poche parole si tratta del prezzo del greggio, scala destra, plottato insieme al capex, scala sinistra. Come potete vedere, è praticamente dal 1985 che le due curve si seguono.

Nel post non vengono presentati dati statistici descrittivi, oppure regressioni e altro che potrebbero servire per capire la relazione. Che però a occhio non è negabile. Una relazione c’è. Con le parole di Spena:

Artificio contabile? Inaffidabilità delle fonti? Volatilità dei dati? Sono trend più che trentennali: dunque, da prendere sul serio: lo scenario petrolifero è reso stabile e duraturo dai prezzi alti, non dai prezzi bassi. Tanto per intenderci: automobilisti e petrolieri hanno non solo interessi, ma anche percezioni e preoccupazioni contrapposte.

Qualche tempo fa la commissione europea ha mandato gli agenti in casa da Shell e Exxon & co, accusandoli di abuso del loro potere sul mercato, nella formazione del prezzo.

Può darsi che la mattina parte qualche chiamata tra un paio di big, e può darsi che la commissione l’ha scoperto ca 30 anni dopo il resto del mondo, ma può anche darsi che qualcuno abbia bisogno di vincere le elezioni questo autunno.

E adesso mi servono solo un paio di dottorandi, una settimana di tempo, e con i capex storici delle vecchie sette sorelle si tira fuori un bel modello previsionale del prezzo del petrolio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: