Traffico passeggeri, uno sguardo su Venezia

Un commentatore Anonymous (ma un OpenId no?) ha la fidanzata a Venezia e si chiede come mai i biglietti per brevi distanze costano ormai la metà del treno.

Io direi che si tratta della necessità per le compagnie di farsi concorrenza con prezzi stracciati, proprio per riuscire a rimanere una delle cinque ancora sulla piazza quando sarà finito il bagno di sangue.

Equivalenti bagni di sangue li possiamo seguire sul mercato degli elettrodomestici, e tra i produttori di veicoli. E perché no, anche a scala globale, tra le nazioni.

Poi però andando a guardare meglio Venezia, ho visto uno sviluppo interessante. Con MM12:

Il trend della crescita sostenuta in corso dall’inverno del 2002 si è interrotto con la crisi finanziaria nell’estate 2008. I turisti arrivano sempre, ma per tre anni di fila non si sale ai livelli del 2007. Però nell’estate del 2011 Venezia ha visto un enorme crescita rispetto agli anni precedenti.

Quindi dopo tre anni di calma piatta, un picco in agosto 2011 di 35% in più rispetto ad agosto 2010. Per poi quest’anno perdere di nuovo quasi 100.000 (-9,8%) passeggeri YoY.

Ovviamente non è che i turisi hanno magicamente abbandonato di nuovo Venezia, è che nel frattempo è riaperto l’aeroporto di Treviso, che nella crescita della regione è riuscito a prendersi tutti i nuovi passeggeri per se:

Infatti, il picco dell’estate 2011 veneziano corrisponde ai lavori di manutenzione a Treviso, che già da anni sta cercando di potenziare l’aeroporto. Anche durante gli anni di calma piatta a Venezia, a Treviso dopo il 2007 si è vista una forte crescita.

Se voli a Treviso, sono comunque solo 40 km per andare a Venezia, rispetto ai 13km da Marco Polo per Venezia. E per esperienza personale direi che ci sono chiari vantaggi nel poter evitare la tangenziale di Mestre.

Ma Treviso quest’estate non è cresciuto rispetto al picco nell’estate del 2010. Sono tornati tutti i passeggeri rispetto a prima della chiusura, ma il trend della crescita si è interrotto. Può darsi che l’aeroporto non abbia la capacità necessaria per accogliere più di 250.000 persone in un mese.

Mentre Venezia si. Se diciamo che nel 2011 ha rubato tutti i 250 mila passeggeri di Treviso, dovevamo aspettarci che a riapertura Treviso, Marco Polo sarebbe tornato da 1 milione ai ca 750mila passeggeri dell’agosto 2010.

E invece ha perso solo 100.000. Gli altri 150.000+ in più sono da attribuire a quei prezzi stracciati da marzo 2012 in poi, che ha rubato probabilmente tanti passeggeri sia a treni che a macchine:

Perché essendoci stata a Venezia in agosto posso testimoniare su come non c’erano particolarmente tanti turisti. Anzi, nessun problema ad entrare da nessuna parte, tantissimi B&B chiusi per ferie, e poi più avanti, tangenziale di Mestre, code interminabili per mete più economiche…Croazia.

5 responses to “Traffico passeggeri, uno sguardo su Venezia”

  1. Anonimo says :

    I due aeroporti non sono in competizione, anzi la società che controlla Marco Polo è anche socio molto importante di Treviso; Treviso è piccolo, la pista più corta e soprattutto sia gli atterraggi che i decolli vanno verso ovest (e non, come avviene a Venezia, con atterraggi da Sud-ovest e decolli verso nord-est). Ho volato da Treviso a Londra con Ryanair ad agosto: l'aerostazione è stata costruita pochi anni fa, la sala partenza è carina, col soffitto in legno ecc (ovviamente molto più piccola di Marco Polo), ma quando ti fanno scendere per delle scale strette per salire sull'aereo ci siamo trovati in un posto stettissimo… vedere per credere!
    Giorgio A.

    Mi piace

  2. Anonimo says :

    Grazie per l'analisi, completa come sempre.
    Mi permetto di aggiungere però una nota, la fidanzata (si sono proprio quell'anonimo li'..) lavora con i turisti da 10 anni e dice che da agosto ne hanno più del solito, quindi forse le tariffe stanno lavorando bene anche per l'estero.
    Comunque la partita fra treni e aerei c'è solo dove arriva la TAV o almeno i frecciargento, altrove l'aereo regna incontrastato, almeno finchè non sarà raggiunto da una tassa ammazzapil alla monti.
    Sarei quindi curioso di vedere i dati del traffico aereo in comparazione a quello ferroviario…..
    Marco C.

    Mi piace

  3. Medo says :

    Nel mio piccolo, chiunque io conosca nell'area dove abito (Lione, Francia) da quando c'è Lione-Venezia della Easyjet sono andati almeno due volte a Venezia… Non so se vale per la statistica. In ogni caso poi tornano piuttosto delusi e affranti perchè non sanno orizzontarsi nel mangiare e dormire e si ritrovano nelle trappole per turisti. E se lo meritano pure. Ah, piccolo particolare: questi turisti di cui sopra sono TUTTI funzionari pubblici. Quindi quel che fa andare gli aerei da Lione a Venezia (almeno, il 100% del mio campione!) è, in soldoni, la spesa pubblica francese, più che altro delle istituzioni locali.

    Mi piace

  4. Anna Ryden says :

    Tutti i non-italiani che conosco che hanno fatto vacanze a Venezia sono rimasti molto delusi. A dire la verità penso che non va bene dover essere per forza italiano e sapersi districare tra trappole e cose genuine per poterla visitare. Finirà male per il settore alberghiero, perché la soluzione ovvia è portare stranieri solo su navi da crociera. Dormono e mangiano li, con molta più qualità.
    Io adoro Venezia! Ma richiede uno sforzo organizzativo notevole.

    Mi piace

  5. Anonimo says :

    sono quell'anonimo lì (si, lo faccio l'account, lo faccio..)

    La fidanzata è una dipendente di una struttura commerciale, precisiamo, e lavora soprattutto con il turismo di fascia molto alta, anche perché parla 5 lingue (si, esatto, non è italiana nativa..), e quel turismo lì si muove secondo altre logiche e certo fa i numeri in termini di fatturato e non di Pax sugli aerei.

    Ma non sottovalutate l'effetto vetrina, basta un vip che si fa fotografare a Venezia e a breve 100.000 sciampiste di ogni angolo del mondo trascinano il fidanzato a fare la foto sui campielli anche se i servizi (per loro) fanno schifo.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: