Tragico sviluppo per i bimbi di Fukushima

A un anno dal disastro nucleare non ci possono essere più dubbi sul pericolo degli impianti nucleari. I bimbi di Fukushima hanno un futuro molto diverso da quello programmato geneticamente. Uno studio condotto su 38.000 bambini dimostra come il 36% di loro hanno noduli o cisti sulla tiroide, ghiandola responsabile per il metabolismo.

Per fortuna il governo giapponese ha deciso che sono tumori benigni. Meno male che abbiamo i governi così in gamba da capire senza biopsia se un tumore è benigno o no.

Uno studio condotto in Giappone 11 anni fa ha dimostrato che i bimbi di solito avevano una incidenza di 0% per noduli, e 0,8% per cisti.

Dati ufficiali per Chernobyl parlano di 1,74% di noduli nei bambini da 5 a 10 anni dopo l’incidente. O i dati per Chernobyl sono totalmente taroccati, o i bimbi di Fukushima hanno subito dosi di radiazioni molto più alti. O forse, una combinazione dei due.

Secondo il governo giapponese le radiazioni da Fukushima erano 7 volte minori quelli di Chernobyl. Se invece assumiamo che tutti dicono la verità, significa che più dell’intensità delle radiazioni conta il tempo/clima/vento al momento dell’esplosione. Nel caso di Chernobyl le radiazioni in pochissimo tempo sono state rilevate in Svezia, forse in Fukushima è tutto caduto nel raggio di pochi chilometri.

Senza vento che porta tutto nell’atmosfera per disperdere le radiazioni su una regione vasta, non c’è abbastanza tempo per evacuare una zona in pericolo. Per ovvi motivi non sappiamo quasi niente sulla reazione dell’organismo quando grosse quantità di radiazioni vengono assunte insieme a lattuga e latte.

La famosa background radiation che ognuno di noi si becca ogni giorno, sempre usata dai pro-nucleare come argomento della non-pericolosità, non è assolutamente paragonabile a quello che succede nel caso di un’esplosione.

One response to “Tragico sviluppo per i bimbi di Fukushima”

  1. andreaX says :

    Figuriamoci, anche se non ne abbiamo la prova, molti dottori sostengono che il problema di ipotiroidismo che ha mia moglie sia stato dovuto proprio all'incidente di Chernobyl, e siamo qui in italia, a circa 2000 Km in linea d'aria dal luogo dell'incidente avvenuto nel 1986.
    Preferisco andare a cavallo e zappare la terra piuttosto che morire di cancro o leucemia per colpa di un incidente nucleare.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: