Tutto fumo per me

Mentre aspettiamo che qualcuno controlli il voltaggio della presa alla quale viene attaccata, durante le presentazioni, la Ferrari dei bollitori elettrici chiamata e-Cat, potete leggervi la serie di articoli su Andrea Rossi e il suo catalizzatore su New Energy Times, scritto da una specie di detective energetico di nome Steven B. Krivit.

Spesso molto divertenti:

 According to comments he has made on his blog, Rossi thinks he will be able to protect his device from reverse-engineering by building in a mechanism that causes the device to self-destruct if it is opened. Which public safety authority in which country would allow unrestricted sales of such a potentially dangerous device?

Fantastico. Un reattore che implode appena qualcuno cerca di aprirlo per capire come funziona.

Cliente: Non funziona il mio e-Cat, e quindi l’ho aperto per vedere se potevo trovare l’errore.
 Defkalion: Ah, l’ha manomesso. È ovvio che non potrà funzionare. In questi casi chiaramente la garanzia non vale.
Cliente: Ma non funzionava già prima. Nel senso che non funzionava dal primo giorno. Voglio indietro i miei 3mila euro.
Defkalion: Purtroppo non possiamo ridarle i soldi, signora. È contro la policy aziendale. Ma possiamo venirle incontro, e con un piccolo contributo di 500 euro lei potrà mandarcelo qua in fabbrica per la riparazione. In fondo abbiamo solo la sua parola, signora, che non ha mai funzionato.

 

Ovviamente spero di sbagliarmi. Se fosse tutto vero, l’umanità potrà finalmente fare la scelta di colonizzare altri pianeti, e il nostro non diventerà uno di quei mega-cimiteri che vengono regolarmente visitati da altre specie in gita scolastica archeologica. Per chi non capisce di cosa sto parlando, oggi è stato lanciato l’ultimo viaggio nello spazio, con lo shuttle Atlantis. NASA:RIP  Ci mancherai.

Tag:, ,

4 responses to “Tutto fumo per me”

  1. fausto / fardiconto says :

    Se funzionasse davvero, allora si che finiremmo al cimitero: potremmo finalmente coprire il mondo con una infinita quantità di cemento. Est modus in rebus, e il delirio dell’energia illimitata non ha misura alcuna.

    Mi piace

  2. Libero says :

    Speriamo che questa storia finisca presto così gli esagitati sostenitori del duo Rossi-Focardi forse si calmeranno e la pianteranno di riempire i blog di fesserie.

    Mi piace

  3. Hunter76Lima says :

    Speriamo anche che gli accaniti oppositori dell’e-Cat (e sono in numero di gran lunga superiore)smettano di infestare la blogosfera.

    Anna, affidarsi a Kivrit come fonte attendibile, ovvero il non-plus-ultra dell’anti e-Cat, mi sembra poco appropriato.

    Per ora Rossi ha fatto un annuncio. Punto. Sta a lui dimostrarlo, quando e come ne avrà voglia.
    Che noi ci crediamo o meno, nulla cambia.
    Non ha chiesto soldi a nessuno, per adesso, se non ai suoi presunti investitori; sta proseguendo sulla strada della ricerca/sviluppo/produzione (a suo dire). Arriverà cmq il giorno che dovrà mettere a prova le sue teorie e le sue dichiarazioni con una dimostrazione pubblica se proprio vuole vendere il prodotto.

    L’unica cosa che dobbiamo fare è aspettare. Cosa volete, un risarcimento per l’attesa di qualcosa che non vi spetta e in cui non avete dato neppure un euro? Mi sembra una filosofia di vita un tantino pretenziosa ….

    Alla fine cmq non c’è santo che tenga, o funziona o non funziona. Nel secondo caso la cosa muore da sola e l’unico veramente scornato sarà Rossi stesso, nel primo caso ne avremo vantaggio tutti e a nulla sarà valso lo scetticismo imperante di questi giorni.

    Mi piace

    • oronero says :

      È molto appropriato invece essere molto scettici, perché prima o poi Rossi comincerà a chiedere soldi ai privati, e poi quando non funzionerà non sono solo un paio di miliardari americani che hanno perso degli spiccioli, ma dei piccoli risparmiatori, che a quel punto non possono fare altro che aggiungere aggiungere ogni volta che Rossi dice “abbiamo bisogno di più fondi perché questa o quest’altra cosa è andata storta”. Quelle storie vanno avanti per dieci anni prima che l’azienda in questione butta dentro l’asciugamano. Per quanto ho visto io, tutti i (come li devo chiamare?) blogger e giornalisti non-scettici, speranzosi, positivi etc non cercano di capire la tecnologia dietro, ma ripetono cose date e basta.

      Se invece funziona sarò la prima a comprarmi un impianto di 1MW da mettere in giardino, ci dovrebbe stare, e io mi metto nell’amaca nella sua ombra con un bicchiere di cidro di mele.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: