Idee veloci per un crowd funding delle rinnovabili

Spesso si legge sui blog economici e anche qualche volta nei giornali, che uno degli effetti della crisi finanziaria è la difficoltà per le aziende di farsi prestare soldi dalle banche, soprattutto a degli interessi convenienti. Questo potrebbe influire negativamente sugli investimenti nelle energie rinnovabili, flussi che sono comunque molto facili da prevedere e calcolare, oltre a rappresentare un futuro un pochino più sostenibile e migliorare le nostre possibilità di decrescere la società senza troppi dolori nei prossimi decenni.

Quindi sarebbe auspicabile che la gente potesse prendere in mano propria la questione energetica, anche senza agevolazioni statali, ma soprattutto senza interventi del governo, che complicando tutti gli iter mettono bastoni tra le ruote. Gli unici interventi permessi dovrebbero aiutare a superare gli ostacoli tipo NIMBY (Not In My Back Yard).

In un contesto meno burocratico, più favorevole all’imprenditoria, troviamo il metodo di finanziamento dei progetti chiamato “crowd funding”, che funziona sia su scala piccolissima che su scala grandissima. La pagina wiki è piena di esempi di artisti che sono riusciti a finanziare i tour, o il lancio di un nuovo disco, tramite campagne di crowd funding su Internet, ma non vedo perché non dovrebbe funzionare anche con le rinnovabili.

Un esempio potrebbe essere un paio di piccoli comuni agricoli che si mettono insieme per comprare a dei prezzi migliori, l’unione fa la forza, un impianto di energia eolica, o solare. Mentre senza sussidi statali potrebbe non essere una buona idea per un privato a investire nel solare, a meno che non pensa veramente a lungo termine, se si riesce ad avere i vantaggi di scala nel comprare le installazioni, e poi anche vendere l’eccesso di energia, e i certificati di emissione, non dovrebbe essere impossibile portare il progetto a redditività.

Questa soluzione funziona quando a livello comunale ci sono già sia i soldi, che, e soprattutto, le persone capaci di convincere la comunità. Pannelli solari hanno dei tempi d’ammortamento lunghissimi, e tempi lunghi anche per arrivare a redditività, anche se i libri dimostrano utili netti.

Googolando ho trovato solo questo progetto:

Solar Mosaic Oakland, che raccogliendo $500.000 installerà 140KW di pannelli solari sui tetti di sette palazzi del comune di Oakland.

“Now, for the first time, there’s a way for every person in the country to ‘go solar’ by buying tiles in a community solar project.”

Ma è sicuramente solo il primo di molti.

 

Ma se un privato vorrebbe investire nel solare, e non ha i soldi, come fa?

Si potrebbe pensare a una soluzione dove un’impresa solare agisca come banca. La gente riceverebbe interessi EURIBOR a 12 mesi (oggi a 2,148), più di quanto ti da la banca, e la possibilità di guadagnarci qualche cosa se il prezzo dell’elettricità aumenta. Ovviamente non si tratterebbe di conti in banca con la garanzia, quindi l’impresa deve tenere un tasso più alti di liquidità di quanto si permette una banca. Che ne so, 25%?

In questo caso, l’impresa riceve dei soldi a delle condizioni molto favorevoli, e i risparmiatori guadagnano più di quanto prenderebbero mettendo i soldi in banca.

Prima parlavo di scala anche più grande. Li si potrebbe pensare a qualche azienda agricola enorme, magari produttore di latte. Installando un caseificio accanto alle stalle, con pipeline direttamente dai robot si risparmierebbe probabilmente migliaia di km di trasporto su ruote ogni anno. Poi potrebbero usare il calore del latte per il riscaldamento dell’azienda agricola, e costruire “pipeline” anche dalle stalle per  il letame (fertilizzanti), per portarlo direttamente in dei pozzi centralizzati in mezzo ai campi di grano. Da li basterebbe usare dei lunghissimi tubi per collegare questi “pozzi” a dei macchinari per la fertilizzazione. I macchinari devono purtroppo usare un carburante fossile per distribuire il tutto, ma in futuro anche questi potrebbero essere operati da pannelli solari, con un cavo in parallello al tubo del fertilizzante. Ci sono soluzioni innovative, basta cercarli. Tutto questo finanziati da un crowd, in forma di soldi immessi all’attività come se fosse una banca.

Più difficile sarà ricevere i finanziamenti per un’impianto di biogas, che costano parecchio, fino a 2 milioni di euro. Un finanziamento possibile sarebbe dare i propri soldi in cambio a dei buoni per i prodotti dell’azienda, ovviamente se abiti vicino. L’idea rimane quella di costruire un’azienda agricola a grande scala ma a zero uso di fonti fossili.

Una famiglia che compra 4 litri di latte la settimana, spende ca 16 euro al mese, oppure 192 euro all’anno. Con un interesse di 5%, se la famiglia ha investito 1000 euro, riceve indietro 50 euro (bisogna comunque dichiararlo come capitale) oltre alla parte del prestito che deve esser ripagato. Se i termini dicono 10 anni, allora la famiglia prende 150 euro in forma di latte. L’anno dopo 1000-100=900×5% = 45 euro +100 di ammortamento = 145 euro di latte. Etc.

In questo modo ci vogliono 2000 famiglie che investendo 1000 euro a testa fanno in modo che l’azienda agricola più grande della zona possa mettere su quell’impianto a biogas, indubbiamente uno delle nostre fonti future di carburanti.

La buzz word futura da imparare quindi è Crowd Funding.

Segnalatemi pure altre iniziative di crowd funding se ne conoscete qualcuna!

Tag:,

6 responses to “Idee veloci per un crowd funding delle rinnovabili”

  1. Corrado Truffi says :

    Interessante e molto promettente. Però credo che su scala piccola le amministrazioni pubbliche (comuni, municipi di una città, ecc.) potrebbero essere parte in causa e/o facilitatori di queste iniziative.

    PS: “se un privato volesse”, non “vorrebbe”:-)

    Mi piace

  2. luigi says :

    si interessante, proviamo a fare un ragionamento immaginando come potrebbero investire il tfr qualche migliaio di operai licenziati anzitempo?

    Mi piace

  3. Pinnettu says :

    OT quotazioni greggio.

    Quali spiegazioni alla situazione attuale?

    Fino a Gennaio avevamo un mercato sostanzialmente in equilibrio (domanda e offerta in linea), e i prezzi sui massimi da oltre due anni (WTI fino a 113$).
    Da Febbraio è iniziato l’ammanco della produzione libica (circa 1,5 miloni di b/g) e contemporaneamente OPEC, EIA, IEA e quant’altri continuano a stimare la domanda per l’anno in corso ben oltre i valori dello scorso anno.

    Oggi arriva la notizia del rilascio, da parte dell’EIA, di 60 milioni di barili di greggio, per far fronte al gap che si stà creando fra domanda (si conferma quindi l’aumento) e offerta.

    Insomma il quadro sembra piuttosto difficile, eppure le quotazioni del greggio stanno collassando. Oggi il WTI è precipitato a 91$ (20$ in meno rispetto ai massimi dei mesi scorsi.

    Situazione insolita.
    Ho sempre pensato che nei mesi scorsi non c’era ragione di avere prezzi superiori ai 100$, ma trovò altresi strano che di fronte al’IEA che rilascia addirittura le scorte strategiche (il precedente è del 2008 con il greggio a 147$), le quotazioni del greggio siano in caduta libera.

    Mi piace

    • Anonimo says :

      Non e’ affatto insolito, c’é’ un altissima correlazione wti e rilasci del SPR. Me lo stavo aspettando da quando 10 gg fa ca EIA (o era IEA?) avevano detto che c’era bisogno delle riserve.
      Anche nel 2008 il prezzo e’ crollato per questo credo, rimane da dimostrare, forse ci riesco quando torno,

      saluti
      Anna in vacanza per mezza estate

      Mi piace

      • Pinnettu says :

        Però a metà del 2008 era già verossimile che si stesse andano verso una contrazione della domanda. O quantomeno verso un riequilibrio fra domanda e offerta.
        Nel 2008 il rilascio delle scorte fu la conseguenza di un deficit nell’offerta in corso da ormai tre anni.

        Oggi invece il rilascio delle scorte avviene a causa del deficit generato dalla mancanza del greggio libico che non sembra poter tornare sul mercato in tempi brevissimi.
        Il tutto accompagnato da previsioni sulla domanda che vede il 2011 stabilire un nuovo record assoluto.

        Mi piace

  4. Anna Zarbo says :

    In Italia da pochi mesi è nato il primo portale di crowdfunding. Si chiama Eppela e ospita progetti innovativi che riguardano diverse categorie, dall’ Art & Enteirtainment, Lifestyle & Technology, Public & No profit, Sustainability & Social Innovation.
    Attualmente è in versione beta, ma sta già riscuotendo un notevole successo.
    Visitate il sito per visionare i progetti on line http://www.eppela.com
    Seguiteci e sosteneteci sulla nostra fun page di Eppela http://www.facebook.com/Eppela e sugli altri social ( twitter, linkedin, google+, you tube, vimeo).

    Lo staff di Eppela

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: