O R O N E R O

Whenever you find yourself on the side of the majority, it is time to pause and reflect. Mark Twain

Bond e Grecia

Pubblicato da oronero su 21 aprile 2011

Volevo dare un occhiata agli interessi sui bond. Non posso certo permettermi un terminale Bloomberg, quindi ho fatto un copia-incolla dei dati dal sito Bloomberg a Excel. Risultato sotto.

Una curva sana per gli interessi sui bond dai 2 ai 10 anni si presenterebbe lentamente in salita, con gli interessi a breve termine più bassi di quelli a lungo termine. Ovviamente il risparmio a lungo termine deve essere premiato in qualche modo. Curve sane sono quelle per la Spagna, per l’Italia e per la Germania.

Quando investitori perdono la fiducia nella capacità di un paese di ripagare il debito, la curva tende a fare un “flatline”, cioè diventare piatta. Giorno dopo giorno la coda si alza più della testa, e alla fine i bond a breve termine rendono uguale a quelli a lungo termine. Perché è più probabile che riesci a essere ripagato sui bond brevi.

Poi a un certo punto, quando si comincia a parlare di default, come nel caso della Grecia, la curva si inverte: i bond brevi ti danno interessi più alti di che quelli a lungo termine, che a questo punto godono di pochissima fiducia.

Gli interessi per i bond greci a 2 anni sono ora a incredibili 22%. Quelli a 2 anni stanno camminando verso 15. Ovviamente la curva è invertita già da mesi. Tutti si aspettano che la Grecia entro breve chiederà di ristrutturare il debito, che e un modo più elegante per dire che ripagheranno i debiti quando congela l’inferno.

Soltanto due mesi fa la curva del Portogallo era perfettamente normale, anche se gli interessi erano alti ca il doppio rispetto a quelli italiani. Poi a metà marzo era evidente il trend verso flatline. Ora è addirittura invertita. Evidentemente gli investitori si aspettano poco di buono dal Portogallo a lungo termine.

La curva per l’Irlanda è un po’ bizzarra, nella indecisione sui bond a medio termine. Sul totale è un bel flatline. Non invertita, perché l’Irlanda in teoria è già stata salvata, anche se sicuramente i soldi non basteranno. Quando i giornali riprendono a sussurrare frasi come “altri 20 miliardi…” allora la coda si alzerà ulteriormente.

In Europa i governi durante l’ultimo secolo hanno promesso cose ai lavoratori che non possono essere mantenute. I stati periferici con enormi settori pubblici mantenuti da sempre meno gente che lavora e paga le tasse stanno vacillando. Non possono nemmeno stampare soldi fiat per risolvere momentaneamente la questione – fanno parte della comunità economica. Ma un euro greco non è uguale a un euro tedesco.

A un anno dai primi problemi emersi in Grecia il paese sta diventando violento. La piccola città Keratea a sud di Athene si è talmente rivolta contro dei piani di costruire una discarica, che ora è completamente nelle mani dei cittadini, e la polizia si è dovuta arrendere. Leggete Occupied London per altre notizie illuminanti sulla Grecia.

Che strano che l’Europa è iniziata con la Grecia, e ora ci finisce pure.

About these ads

6 Risposte a “Bond e Grecia”

  1. Hunter76Lima ha detto

    Ma l’Inferno è già congelato, Anna !!!

    quindi la Grecia ripagherà i debiti fino all’ultimo centesimo ;-)))

    (vedi la cantica dell’Inferno della Divina Commedia Dante in cui i dannati sono immersi a testa in giù in un lago ghiacciato, il Cocito, e al cui fondo c’è la Bestia-Lucifero che divora con le sue tre teste Giuda-Bruto-Cassio).

  2. poldo alias marco ha detto

    “In Europa i governi durante l’ultimo secolo hanno promesso cose ai lavoratori che non possono essere mantenute”.

    Io penso empiricamente che in Italia per fare un esempio si arriverà a lavorare minimo 10 ore (dure) al giorno sabato compreso per uno stipendio che va dai 400 ai 300 euro al mese di oggi. Verrà implementata la coabitazione cesseranno le vacanze e si mangerà carne o pesce una volta al mese.

    Pensioni sanità ferie pagate scuola università di massa rimarranno ricordi dell’età dell’oro che è finita all’improvviso, diventeremo (siamo già) un paese del terzo quarto mondo in più indebitato e con una popolazione anziana.

    I nostri giovani viziati verranno massacrati da un mercato del lavoro che li mette in competizione con gente molto agguerrita e che non ha nulla da perdere se non lavorare lavorare lavorare, dato che proviene da infanzie durissime in paesi poveri e cercano un riscatto possibile ma doloroso.

    Chi ha fatto i figli in Italia, o è ricco o li vedrà schiavizzati, demoliti, massacrati.

  3. Pinnettu ha detto

    Solo una domanda:

    il fatto che la curva dei tassi sia invertita stà ad indicare che non c’è fiducia nel breve termine, non nel lungo termine. Ho mi sbaglio io?

    Voglio dire, ad essere premiati (con rendimenti attorno al 20%) sono i bond a breve scadenza, come se il mercato stia scontando un rischio ristrutturazione del debito nel giro dei prossimi mesi o al massimo pochissimi anni.

    Insomma non c’è garanzia che vengano rimborsati i bond di imminente scadenza. Ecco perchè pagano il 20%!

    • oronero ha detto

      Si certo. Normalmente il bond a breve termine è meno rischioso, con interessi più bassi. Un periodo di investimento più lungo è più rischioso e viene premiato.

      Una curva invertita significa che non si crede che l’economia cresca a un ritmo normale, ma che ci sia in corso una recessione. Prima di una recessione può essere necessario fare investimenti a lungo termine per non rischiare che in futuro il rendimento sia ancora più basso.

      Quindi una curva invertita è anomala. Ma la situazione normale per questa anormalità sarebbe discesa degli interessi a lungo termine, mentre quelli a breve termine salgono. Questo perché ci si aspetta comunque un’inflazione bassa durante una recessione.

      Qua invece abbiamo una curva invertita, che aumenta sia sulla coda che sulla testa, solo più lentamente sulla testa. Doppiamente tremendo: avremo inflazione alta e recessione tutto in uno? Meriterebbe un post tutto suo.

  4. roxioni ha detto

    Tanti Auguri di BUONA PASQUA Anna …di cuore. Ti ammiro. Sei molto brava.

    Tuo fan Carlo Scalzotto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 48 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: