UE, i suoi funzionari, e i nostri soldi

Incredibile la notizia che la commissione europea ha aumentato gli stipendi del 3,7%.

Questa massa di burocrati carrieristi quasi anonimi (qualche rarissima eccezione c’è) è già dotata di superstipendi. Prendono da 2.600€ (segretari) a 18.000€ (capi dipartimento) e 20.000€ (capi commissione). Le tasse sono anche quelle molto democraticamente ca 8% su tutta la linea.

In più ricevono massicci sussidi per pagarsi la casa, e altre cose che riguardano le loro famiglie, assicurazioni mediche supercoprenti e la scuola dei figli pagata.

A dire la verità il Consiglio ha cercato di limitare l’aumento a 1,85%, ma la corte europea ha giudicato contro, visto che non esiste il motivo “grave e improvviso peggioramento della situazione economica”.

Hanno ragione, perché è certamente non improvviso il peggioramento della situazione economica. Se noi consumatori dei media tradizionali lo sappiamo da ca 1 anno che siamo dentro fino al collo, figuriamoci loro, che hanno accesso a tutti i numeri. Lo sanno da anni.

L’aumento degli stipendi è retroattivo ca 1 anno e mezzo, visto che la corte ci ha messo un bel po’ ad arrivare a un giudizio.

Il presidente del Consiglio Europeo Herman Van Rompuy, che nessuno veramente sa chi sia, e certamente non è stato eletto democraticamente, ora viene pagato 377.000€ all’anno, il doppio del primo ministro svedese Reinfeldt.

Esiste un post su un blog del daily mail molto interessante.

L’autrice Mary Ellen Synon descrive Rompuy come uno degli uomini più pericolosi dei nostri tempi, un cinico belga che vorrebbe trasformare tutta l’Europa in un gigantesco Belgio, cioè un paese costruito, dove il normale patriottismo è stato sottomesso e scambiato per un finto nazionalismo europeo.

Rompuy esprime chiaramente cos’è per lui il normale nazionalismo dei vari popoli: “The biggest enemy of Europe today is fear. Fear leads to egoism, egoism leads to nationalism and nationalism leads to war.”

Ci sono solo due paure qua, e nessuna c’entra con la definizione di nazionalismo di Rompuy. La prima paura che vedo io è quella che noi europei sentiamo nei confronti del macchinario gigante chiamato Unione Europea, che crea legge dopo legge per limitare sempre di più le nostre vite, che ha paralizzato i sistemi economici dei paesi che non erano pronti per adottare l’euro, che crea strutture di potere sempre più rigide per proteggere i funzionari e le loro famiglie.

La seconda paura è quella dei funzionari che hanno tutto da vincere se la UE continua incambiata e tutto da perdere il giorno in cui ci stufiamo.

Non ci sono europei che iniziano le guerre, solo politici che hanno paura di perdere il potere, e che vogliono espandere il proprio potere. Non esiste nessun Germania contro Francia, ormai si tratta di europei contro funzionari UE.

Oggi c’è un unico politico del parlamento europeo che regolarmente manda Rompuy a quel paese. Si chiama Nigel Farage.

In questi giorni è certamente facile farsi strada per un esponente di un partito anti-EU e populista, ma mi trovo perfettamente d’accordo con il punto di vista di Farage che la UE non è democratica, che non ci coinvolgono nelle decisioni più importanti (leggi trattato di Lisbona) e che stanno sprecando i nostri soldi per niente.

You’ve been in office for one year and in that time the whole edifice is beginning to crumble, there’s chaos, the money’s running out – I should thank you; you should perhaps be the pin-up boy of the Eurosceptic movement.

One response to “UE, i suoi funzionari, e i nostri soldi”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: